Stampaggio ad iniezione nella lavorazione della plastica

Stampaggio ad iniezione

Per prodotti di uso quotidiano. Impianti centrali complessi o singoli dispositivi per settori industriali come quello automobilistico, elettronico, elettrodomestici, tecnologia medica, ecc. Anche per produzioni in camera bianca.

Durante lo stampaggio ad iniezione, la plastica viene trasformata in pezzi stampati. Il processo è discontinuo ed avviene in più stadi. Il materiale, solitamente un termoplastico, viene plastificato in un cilindro per mezzo di una vite, miscelato ad una massa omogenea, dosato e iniettato ad alta pressione in una cavità dello stampo nel cosiddetto stampo ad iniezione. La massa si raffredda e si solidifica - lo stampo ad iniezione si apre e il pezzo stampato viene espulso.

Sono possibili grandi quantità con diverse materie plastiche e additivi.

Le materie plastiche possono essere suddivise in termoplastiche, duromeri ed elastomeri. I primi sono i materiali più comunemente impiegati nello stampaggio ad iniezione e sono generalmente i più importanti nell'industria delle materie plastiche. I duromeri ed elastomeri invece sono procedimenti di nicchia. Lo stampaggio ad iniezione comporta generalmente la lavorazione di polimeri e composti granulari. Vengono utilizzati anche impasti, mescole madre, additivi o aggregati. La lavorazione dei singoli materiali differisce notevolmente in quanto a parametri tecnici, come la temperatura o la pressione di iniezione.

Lo scopo dello stampaggio ad iniezione è la produzione di pezzi stampati. Si tratta di grandi volumi di produzione, come tappi, dispositivi di chiusura, articoli automobilistici o di imballaggio.

Dosaggi additivi e Gain-in-Wieght (aumento di peso) come unità centrale o singola unità

Noi di motan-colortronic, per lo stampaggio ad iniezione vi forniamo sia sistemi centrali complessi sia singoli dispositivi dei settori dell'essiccazione, trasporto, dosaggio e miscelazione. Questi vengono poi utilizzati in settori quali l'ingegneria automobilistica, l'elettronica, gli elettrodomestici, la tecnologia medica e l'imballaggio. Tipici dispositivi di dosaggio e miscelazione sono ad esempio la mescola madre e i dosaggio additivi (MINICOLOR, MINIBLEND V) o i dosaggi Gain-in-weight (GRAVICOLOR, ULTRABLEND).

 

Destinazione Lavorazione di composti plastici in parti stampate
Processo Discontinuo e multistadio
Materie prime Polimeri e composti termoplastici granulari, rimacinati, mescole madre, additivi
Prodotto finale Parti finite: Tappi, dispositivi di chiusura, articoli automobilistici e di imballaggio
Campi d'impiego Industria automobilistica, elettronica, elettrodomestici, tecnologia medica e imballaggi
Stampaggio ad iniezione presso motan-colortronic Mescola madre e dosaggi additivi (MINICOLOR, MINIBLEND V) o dosaggi Gain-in-weight (GRAVICOLOR, ULTRABLEND), sistemi di essiccazione ad aria calda-secca o ad aria compressa o cristallizzatori, nonché, trasporto pneumatico ad aspirazione per materiali plastici sfusi